Apple Store: attenzione ai finti negozi in giro per il mondo

Scritto da: -

Ancora Apple nel mirino dell’imitazione, plagio, truffa  come la si voglia chiamare. A due settimane dalla notizia che ad essere copiato questa volta era stato nientemeno che Steve Jobs, per dare enfasi ad un keynote in cui veniva effettuato il lancio di un thè a Taiwan, il brand della mela torna sugli scudi non per meriti suoi, ma per demeriti altrui.

Il made in Cupertino, che piaccia o meno, che si ami, odi o che resti indifferente, rimane per molti un must e, come tale, genera business attorno a sé. Avendo ormai clonato, oltre ai suoi prodotti, anche lo stesso fondatore dell’azienda, poteva non venire in mente, a qualcuno in giro per il mondo, di mettere su dei falsi Apple-Store?

Falso Apple Store in Cina -  per gentile concessione di Bruce Burkhalter

Le segnalazioni di questi esercizi commerciali si moltiplicano, arrivando dai paesi più disparati, dalla Venezuela alla Slovenia, dalla Spagna a MyanMar, piuttosto che dalla Croazia all’immancabile Cina, i negozi che recano l’insegna della mela crescono come funghi.

In particolare nel grande paese asiatico ne sono stati segnalati diversi grazie alla blogger Birdabroad la quale, vivendo a Kunming, in Cina, ha toccato con mano il fenomeno, dal momento che nella sua città sono stati ben tre i falsi Store a sollevare le saracinesche ed accogliere orde di acquirenti in cerca di un dispositivo con il simbolo della mela stampigliato sopra.

Finto Apple Store a New York - per gentile concessione di Greg Autry

Secondo le informazioni a disposizione, i tre esercizi hanno ricevuto dalle autorità l’ordine di chiusura, ma c’è da scommettere che il fenomeno sia solo agli inizi, dal momento che un negozio Apple tarocco è stato avvistato all’interno stesso della mela, che questa volta non era la casa di Cupertino, ma New York!

Fonte

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!